Costruzione di pezzi dal campione – Disegni e Revisioni

Fornitura del campione da parte del cliente

G.B.M. è in possesso delle competenze necessarie per produrre particolari a campione fornito. Tuttavia nell'ambito della meccanica di precisione non esistono pezzi “uguali”, ma solamente pezzi “conformi” a determinate specifiche.
Nel caso che il cliente fornisca il campione e non sia in possesso del disegno tecnico meccanico, G.B.M. produrrà un proprio disegno (che non necessariamente verrà fornito al cliente) con tolleranze di lavorazione, materiali ed altre specifiche si riterranno opportune, anche in accordo con il cliente.
Il cliente prende atto che NON POTRANNO MAI ESSERE PRODOTTI PEZZI UGUALI AL CAMPIONE, ma solamente pezzi che possano avere funzionalità e/o le caratteristiche estetiche di quest'ultimo.
Sarà quindi cura del cliente specificare al fornitore le caratteristiche funzionali del pezzo, oltre ai materiali che intende adottare; in mancanza di queste specifiche G.B.M. sceglierà materiali e tolleranze di lavorazione secondo la propria esperienza.
In questo caso, non essendo fornito il disegno tecnico, NON VERRANNO ACCETTATI RESI O RECLAMI inerenti la scelta dei materiali oppure la scelta delle tolleranze di lavorazione.
Nel caso venga fornito il campione unitamente al disegno tecnico, farà fede quest'ultimo.

Formati del disegno tecnico meccanico

Per l'emissione del preventivo e per la successiva realizzazione dei pezzi, sono di norma richiesti i disegni tecnici nei seguenti formati:
-PDF;
-DXF.

Il formato STEP 3D viene richiesto in caso di superfici tridimensionali o in caso di particolari geometrie che siano poco chiare con i soli formati PDF e DXF; il solo formato STEP non è sufficiente per la preventivazione e/o per la realizzazione dei pezzi. Tale file infatti non riporta le quote con le relative tolleranze, non riporta alcuna indicazione sui filetti, non dà indicazioni sui materiali, nè sui trattamenti, etc.
Il file STEP 3D non è un disegno tecnico; non si accetteranno resi o reclami a fronte della sola fornitura del file 3D (STEP; IGS, etc.).

Revisioni dei disegni

Il cliente deve puntualmente specificare in fase di emissione dell'ordine la revisione del disegno dei particolari che intende mettere in produzione; tale indicazione dovrà riferirsi univocamente ad un disegno, che riporterà all'interno del cartiglio codice e revisione del part.
La mancanza di tali indicazioni (la revisione richiamata nell'ordine, e/o la revisione stampigliata sulla tavola) solleverà G.B.M. da ogni responsabilità relativamente alla messa in produzione di revisioni non corrette.
Il cliente è altresì consapevole che l'emissione di 2 disegni diversi ma riportanti stesso codice e stessa revisione, porterà ad errori dovuti alla messa in produzione della versione sbagliata.


Il nostro Sistema Qualità considera come riferimento la revisione del disegno e non tiene conto della data di emissione o di invio dello stesso. Disegni diversi riportanti stesso codice e stessa revisione (anche se emessi od inviati in date ben distinte, unitamente o non unitamente all'ordine) sono da considerarsi errori del Sistema Qualità del cliente.
L'indicazione della revisione deve necessariamente essere fatta tramite numeri o lettere.

Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner